Piazza Solferino n° 16

Pinerolo, 10064 (Torino)

Scrivici all'indirizzo:

info@webgenius.ovh

#10yearschallenge: il Bluetooth

Il Bluetooth è stata una manna dal cielo per lo scambio di file. Oggi, però, le regole del gioco stanno cambiando. Crediamo però, che il Bluetooth non vedrà mai la sua fine!

#10yearschallenge: il Bluetooth

La tecnologia Bluetooth nasce negli ultimi anni del secolo scorso e da allora è sempre stata una tecnologia fondamentale per la comunicazione e per lo scambio di file. Oggi, però, con gli smartphone a dominare il mercato globale di cellulari, la tecnologia Bluetooth ha visto il suo futuro cambiare.

Primi anni 2000, gli infrarossi lasciano spazio al Bluetooth

Il Bluetooth è stato fondamentale nella vita di ogni adolescente dei primi anni 2000. Una manna dal cielo che ha permesso lo scambio di file musicali, immagini e brevi video. Inizialmente, con i primi cellulari, lo scambio di questi file, pesanti per gli MMS classici (un’altra tecnologia ormai obsoleta, ma ne parleremo un’altra volta), era permesso solo dagli infrarossi. Solo i più pazienti, però, riuscivano a scambiarsi i file con questa tecnologia. Ci volevano tempo e precisione. Dovevi tenere i due cellulari accanto, nel punto preciso di uscita degli infrarossi, e sperare che lo scambio di file avvenisse con successo. Purtroppo, il più delle volte, bisognava ripetere tutto da capo, perché bastava poco, ed intendo pochissimo, per bloccare lo scambio di file. Un minimo movimento e l’immagine con protagonista il Gatto Silvestro ed un cuore (ovviamente glitterato), non effettuava il passaggio. Insomma, lo scambio di file, anche se piccoli, con gli infrarossi, era un incubo.

Con l’avvento del Bluetooth sui cellulari, tutto cambiò. Finalmente, lo scambio di file fra diversi cellulari, è possibile, con molta più tranquillità e semplicità! I due cellulari non devono più toccarsi, e lo scambio può avvenire fra due persone distanti anche un metro. Agli adolescenti di quel periodo, parve folle, ma comunque, salvò diversi momenti di panico. Era finalmente possibile scambiare più file contemporaneamente e file più grandi, come canzoni vere e proprie, che diventano le protagoniste assolute di questo periodo.

Il Bluetooth, in poche parole, ha reso la nostra vita più semplice, soprattutto nella vita di tutti i giorni. Essendo una tecnologia adatta ad ogni dispositivo, ha preso piede in breve tempo, diventando nel giro di vent’anni, la protagonista assoluta di questa scena. In contemporanea ai cellulari con il Bluetooth, arrivarono le radio con esso. Permettevano non solo di ascoltare la propria musica, ma soprattutto di rispondere alle chiamate, e dato il divieto, sempre più stretto, dell’utilizzo dei cellulari alla guida, queste radio hanno preso velocemente il posto di quelle più obsolete. Il Bluetooth, riesce quindi anche a salvare delle vite, se usato nel modo corretto. Ma ci credete?

Benvenuti smartphone, scusaci, amico Bluetooth

È nel 2008, con l’avvento sul mercato del primo iPhone, che il Bluetooth necessita di una nuova vita. Al contrario di tutti gli altri cellulari, e degli smartphone di altre marche, l’iPhone non accetta lo scambio di file, attraverso Bluetooth, da parte di altri marchi. Il panico. I possessori di iPhone sono felici così, gli va bene uguale, faranno a meno di scambiarsi i file con gli amici. Gli amici, che lentamente iniziano a cambiare i loro vecchi cellulari con degli smartphone Android e Windows Phone, prendono in giro i primi, per la loro impossibilità di scambiarsi i file con il resto del mondo. È una guerra, che terminerà con il Bluetooth perdente.

No, non voglio essere così drammatica, il Bluetooth non ha perso, per nulla, è sempre un amico fedele dei nostri smartphone, possiamo però dire, che il suo utilizzo è completamente cambiato. Con gli smartphone, prendono piede tutte quelle chat che viaggiano su Internet e che permettono quindi lo scambio infinito di messaggi e di file. Si, sto proprio parlando di Whatsapp, Telegram e dei loro amichetti.

Queste app prendono il sopravvento, lasciando da parte il Bluetooth, che però diventa il Re delle comunicazioni fra dispositivi. Eh si, perché esso è, e probabilmente sempre sarà, una tecnologia universale, che può essere utilizzata su ogni dispositivo privo di una connessione ad Internet.

Vi siete comprati la nuova soundbar ed il subwoofer e volete testarla con lo smartphone? Indovinate, potete farlo anche con il Bluetooth! Grazie al Bluetooth, in un futuro non troppo lontano, potremo probabilmente dire addio a tutti i cavi che girano per casa! Pensate alle nuove cuffiette della Apple, le AirPods, comunicano con l’iPhone proprio grazie alla tecnologia Bluetooth, che probabilmente non verrà mai abbandonata, nemmeno con l’utilizzo sempre più frequente delle linee Wi-Fi. Al contrario, le due tecnologie, spesso collaborano insieme, come nel caso di AirDrop, un servizio che permette lo scambio di file fra due dispositivi Apple.

In dieci anni, un cambio radicale

Oggi, con la possibilità di trasferire file di ogni genere attraverso le app di messaggistica, e file più grandi attraverso le mail ed i servizi di Cloud, il Bluetooth ha lentamente perso la sua utilità, ma rimane al centro dello scambio di informazioni fra diversi dispositivi, per esempio radio e smartphone, dove è diventato Re Indiscusso. Insomma, gli è stata lievemente cambiata la mansione, ma, anche se oggi è scontata la sua presenza negli smartphone, viene espressamente richiesta per gli altri dispositivi. Che lo si voglia o meno, il Bluetooth è una delle invenzioni tecnologiche più importanti del secolo scorso, e nessuno può più farne a meno!

Alessandra Odino

Giovane e con tanta voglia di realizzare i miei sogni. Mi piace scrivere di qualsiasi argomento e "giocare" con i social network! Sono convinta fermamente che, se inseguite nel modo giusto, le nostre passioni possono portarci ovunque!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: