Piazza Solferino n° 16

Pinerolo, 10064 (Torino)

Scrivici all'indirizzo:

info@webgenius.ovh

Disney+ è realtà: arriverà in Italia nei primi mesi del 2020!

Il servizio streaming firmato Disney è stato finalmente presentato. Scopriamo qualcosa di più!

Disney+ è realtà: arriverà in Italia nei primi mesi del 2020!

È stata una grande notte, quella appena passata, per la Walt Disney Company. Finalmente, infatti, il servizio streaming più atteso e su cui più si è vociferato negli ultimi mesi, è stato presentato! Disney+ sarà presto realtà e darà del filo da torcere ai suoi concorrenti.

Dal 12 novembre 2019, Disney+ sarà realtà

Arriverà in Europa ed in Italia nei primi mesi del 2020, ma già dal 12 novembre 2019 il servizio streaming firmato Disney sarà disponibile negli States. Il giorno del suo lancio, Disney+ potrà vantare un catalogo di tutto rispetto, creato da tutti gli Studi che fanno capo alla Disney: Marvel Studios, Lucasfilms, Pixar e National Geographic si incontreranno in un solo luogo. Ma non solo! Con la recente acquisizione della Fox da parte della Disney, il nuovo servizio in streaming conterrà, per cominciare, tutte e trenta le stagioni dei Simpson. Un’ottima tecnica per attirare anche i non fan Disney. Disney+ non sarà quindi pensato solo ed esclusivamente per bambini ed adolescenti, ma soprattutto per adulti che, ogni tanto, hanno piacere a sognare di nuovo. Il catalogo conterrà oltre 7.500 episodi di serie TV diverse, oltre 30 serie TV originali e 500 film (di cui 100 fra i più recenti).

La Disney punta quindi a creare un servizio senza precedenti, ricco di prodotti esclusivi creati appositamente per i fan più accaniti.

Oltre 30 serie TV firmate Disney+

La Walt Disney Company vuole partire con il botto, con un servizio streaming ed un catalogo da far leccare i baffi. Ma quali sono le serie TV coinvolte? Attualmente è ancora tutto “work in progress”, tante sono le serie annunciate e tante quelle ancora senza titolo.

Marvel

La Marvel partità con 7 serie TV che andranno ad ampliare il Marvel Cinematic Universe. Finalmente verrà dato il giusto spazio ai personaggi secondari dei film, ma a cui comunque tutti ci siamo affezionati. Contemporaneamente la Marvel partirà con una serie TV dedicata al dietro le quinte dei suoi Studios.

  • Falcon e il Soldato d’Inverno (rispettivamente interpretati da Sebastian Stan e Anthony Mackie);
  • Hawkeye (Occhio di Falco, con protagonista Jeremy Renner);
  • Loki (il villain più amato del MCU, interpretato come sempre da Tom Hiddleston);
  • WandaVision (dedicata alla coppia nata fra Visione e Wanda, interpretati da Paul Bettany ed Elizabeth Olsen);
  • What If? (una nuova serie animata ispirata ai fumetti della serie omonima, che reinterpreta personaggi e situazione; “E se?”);
  • Marvel’s 616 (docuserie dedicata al dietro le quinte dei Marvel Studios, il titolo è ancora segreto);
  • Marvel’s Hero Project (renderà protagonisti bambini e ragazzi eroi della loro vita quotidiana).

Non si sanno i bugdet veri e propri, ma come per le serie TV della Lucasfilm, di cui vi parleremo fra poco, si parla di circa 10 milioni di dollari ad episodio. Avevate paura di vedere serie TV low budget? Ora non dovreste più averne!

Star Wars

La Lucasfilm non vuole essere da meno e si presenterà all’avvio di Disney+ con tre serie TV originali ed una docuserie.

  • Star Wars: The Clone Wars Stagione 7 (la serie TV animata partita nel 2009);
  • The Mandalorian (con protagonista Pedro Pascal);
  • Cassian Andor (interpretato da Diego Luna ed ambientato prima di Rogue One: A Star Wars Story);
  • Docuserie di Star Wars (ancora senza titolo, ci mostrerà il dietro le quinte dei film di Star Wars).

Pixar

La Pixar punta sui suoi personaggi più amati, quelli che ci hanno accompagnato nella nostra crescita e che ci hanno fatto ridere e commuovere. Come i Marvel Studios e la Lucasfilm, anche la Pixar punta sulle serie TV, sperimentando un nuovo campo, sempre più amato da adolescenti ed adulti.

  • Monster at Work (serie TV dedicata ai personaggi di Monsters & Co.);
  • Forky Ask a Question (serie di corti dedicati ai personaggi di Toy Story 4);
  • Docuserie di Pixar (ancora con titolo in lavorazione, ci mostrerà come nascono i film Pixar).

National Geographic

Insieme alla Marvel, a Star Wars ed alla Pixar, non poteva mancare National Geographic, che permetterà agli appassionati di natura di godere di nuove serie TV dedicate al mondo della fauna e della flora. Con ben 5 serie TV nuove, il canale naturalistico ci donerà momento di pausa e di realtà dai mondi fantastici che ci verranno regalati dagli altri studi.

  • The World According to Jeff Goldblum;
  • The Magic of the Animal Kingdom;
  • Earthkeepers;
  • (Re)Connect;
  • Rogue Trip;
  • Shop Class.

La natura diventerà regina di Disney+, attirando a sè tutti gli amanti del magico mondo degli animali. Non finisce però qui.

Disney

La Disney, quella vera e propria, ha pensato a tutto e non poteva che ritagliarsi un “angolino” di tutto rispetto. Tante sono le serie TV annunciate e di cui si vocifera… Eccone alcune.

  • High School Musical 4 – La serie (è stata un rumor per tanto tempo, ora diventa realtà. Ovviamente con un cast completamente nuovo);
  • Mighty Duck (serie TV comedy);
  • Diary of a Female President (serie TV comedy);
  • Secret Society of Second Born Royals (serie TV fantascientifica);
  • Docuserie di ABC (ancora senza titolo);
  • Ink & Paint (docuserie);
  • Muppets Live Another Day;
  • Book of Enchantment;
  • Docuserie di Disney Imagineering;
  • Be Our Chef (show culinario);
  • Into the Unknown: Making Frozen 2 (docuserie dedicata al dietro le quinte del nuovo film Disney).

 E per gli amanti dei film?

Sono più di 10 i film già annunciati per il nuovo servizio streaming firmato Disney. Tanti i titoli “già visti” e tante le novità; la Disney vuole infatti darsi più spazio per sperimentare e per riportare in vita film e personaggi che oggi sono quasi dimenticati. Alcuni dei titoli trapelati fino ad oggi sono:

  • Lilly e il Vagabondo (live action ispirato al grande classico Disney);
  • 29 Dates;
  • Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi (remake);
  • The Phineas and Ferb Movies (film ispirato all’omonima serie TV);
  • La Spada nella Roccia (live action fantasy);
  • Genitori in Trappola (remake);
  • Stargirl;
  • The Paper Magician;
  • The Grimm Legacy.

Questa è solo un’anteprima di ciò che la Disney proporrà sul suo servizio streaming di nuovo ed unico. Insieme a queste novità potremo vedere su Disney+ tutti i film usciti al cinema nel 2019, nessuno escluso, e soprattutto di tutti gli studi Disney.

Disney+ e l’acquisto della Fox

Con il recente acquisto della 21th Century Fox da parte della Walt Disney Company, quest’ultimo diventa un colosso del mondo cinematografico senza pari. Con la presentazione di Disney+, la Disney sottolinea come questa acquisizione sia stata fondamentale per il nuovo servizio streaming e come la Disney ne voglia subito “approfittare”. National Geographic è uno dei “canali” principali del servizio streaming ed insieme a lui troveremo tutti gli episodi delle trenta stagioni dei Simpson. L’introduzione dei progetti Fox all’interno del servizio streaming sarà graduale, ma sicuramente permetterà alla Disney di vantare un catalogo di tutto rispetto.

Se a tutte le serie TV ed i film di cui abbiamo già parlato, la Disney decidesse di aggiungere il catalogo completo della ABC, creerebbe un servizio streaming quasi impossibile da visionare completamente. Per ora, però, a parte una docuserie dedicata alla ABC, non sembra che la Disney sia intenzionata ad includere tutto il catalogo nel nuovo servizio streaming. Ma hanno annunciato oltre 7500 episodi di serie TV, quindi è più che plausibile che sia incluso qualcosa firmato ABC.

La Disney, con il suo enorme catalogo di film e serie TV, potrà creare un servizio streaming in grado di far tremare anche i colossi di questo settore…

Come reagiranno i servizi streaming già esistenti?

Disney+ sarà disponibile in America a $6,99 al mese o a $69,99 all’anno (con due mesi gratuiti); i primi rumor dicevano che avrebbe avuto un prezzo rivoluzionario. Non è stato così. O almeno non del tutto. Il prezzo annuale è invitante, per chi va avanti a pane e Disney! Ma c’è la vera possibilità che Disney+ dia del filo da torcere ai servizi streaming già esistenti?

La risposta a questa domanda è influenzata da tanti aspetti, non così facili da analizzare, ma ci proveremo.

Contenuti

Disney+ potrà vantare di un ampio catalogo, ricco di generi diversi, in grado di accontentare chiunque. Con il recente acquisto della 21th Century Fox, la Disney potrà puntare non solo ad un pubblico di famiglie e di giovani adulti, ma anche ad un pubblico adulto, che non per forza vuole vedere i grandi classici Disney. Ne è una prova l’inserimento, già al lancio, dell’intera serie dei Simpsons. Ve li sareste mai immaginati in mezzo ai personaggi Disney? Io no, eppure la Disney vuole puntare ad attirare tutti, nessuno escluso.

Dura sarà la guerra fra Netflix e Disney+, dato che il primo è attualmente quello con il catalogo più ricco e più vario in Italia. Non avrà invece problemi a battere i servizi più “piccoli” come Vodafone TV e TIMvision, che tendono ad essere scelti solamente da chi ha uno dei due operatori.

Prezzo

Non abbiamo ancora certezze su quale prezzo avrà in Italia, ma sappiamo che in America il prezzo base sarà di $6,99. Il piano base di Netflix in America oggi costa $8,99; la differenza in realtà è piccola, ma se ragioniamo sull’abbonamento annuale la differenza è sostanziale (Netflix $107,88 e Disney+ $69,99). In Italia la differenza, se la Disney proporrà gli stessi prezzi, sarà di appena 1 euro (il piano base di Netflix attualmente costa €6,99), come sempre la differenza su piano annuale si farà sentire un po’ di più (Netflix €95,88 contro Disney+ €69,99).

Disney+ in Italia potrebbe dare del filo da torcere ad Infinity TV (che attualmente ha lo stesso prezzo di Netflix, €7,99, tranne per gli Infinity Pass, per cui un mese costa €9,99, tre mesi €24,99 ed un anno €79,00) ed a Now TV (che per un piano completo -Cinema, Serie TV ed Intrattenimento- viene a costare €19,99 al mese), mentre difficilmente toccherà Amazon Prime Video, che facendo parte del pacchetto Prime di Amazon rimane il più conveniente (€36,00 l’anno).

Piattaforme

La Disney è ambiziosa, lo è sempre stata e difficilmente negli anni si è lasciata mettere i piedi in testa. Ecco perché è al lavoro per ottenere accordi con tutte le piattaforme tramite le quali è possibile vedere un prodotto su uno schermo. Smart TV, Tablet e Smartphone, Computer (Windows e OS X), console di ultima generazione (PS4, Xbox One e Nintendo Switch) ed ovviamente la Chromecast di Google, la Apple TV ed il sistema Roku. Durante la presentazione sono state solamente mostrate la PS4 e la Roku, ma la Disney si dice fiduciosa.

Se riuscisse ad ottenere un accordo con tutti i produttori di device “collegabili ad uno schermo”, Disney+ si potrebbe espandere a macchia olio, perché non solo ce lo troveremmo fra le app della Smart TV, ma anche sul computer e sulla console portatile. Sarà quindi accessibile a tutti, anche ai meno bravi con la tecnologia: basterà collegarsi ad un link dal computer e la visione sarà libera!

Profili

Qui possiamo sentirci a casa. Come già accade su Netflix, sarà possibile con un solo account creare più profili, dove ognuno potrà scegliere cosa vedere senza andare a “pasticciare” i contenuti altrui. Stessa cosa non viene proposta da Amazon Prime Video, NowTV ed InfinityTV, ed è un particolare che manca e che può fare la differenza.

Visione su più schermi

Non abbiamo ancora notizie ufficiali riguardo alla possibilità di vedere diversi contenuti su più schermi (come avviene invece per InfinityTV, NowTV e Netflix). Difficilmente la Disney si farà sfuggire un particolare come questo, ma chissà come deciderà di strutturare la sua proposta.

Disney+ si promette di essere un nemico agguerrito

Con un catalogo ricco e sempre in aggiornamento, con contenuti originali e non visionabili su altre piattaforme, Disney+ si presenta come un nemico agguerrito per i servizi streaming già esistenti. Alla Walt Disney Company si sono affilati unghie e denti e sono pronti ad attirare a sè clienti da tutto il mondo. Accontenterà i fan della Marvel e di Star Wars proponendo serie TV nuove, perfette per riempire i “buchi” fra un film e l’altro (la Marvel a breve concluderà la sua Infinity Saga -ma sono già pronti film nuovi- mentre per Star Wars è stata annunciata una pausa per i film). Riuscirà nel suo intento di richiamare clienti così come ci è riuscito Netflix quando ha annunciato Star Trek Discovery e l’inserimento dell’intera saga cinematografica e di tutte le serie TV? Da ciò che si può leggere sul web e sui social network, sembra proprio di sì!

Alessandra Odino

Giovane e con tanta voglia di realizzare i miei sogni. Mi piace scrivere di qualsiasi argomento e "giocare" con i social network! Sono convinta fermamente che, se inseguite nel modo giusto, le nostre passioni possono portarci ovunque!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: